TTIP

Se vince il Ttip perdiamo tutti

[Giulietto Chiesa a “La gabbia”]

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (in ingleseTransatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP), inizialmente definito Zona di libero scambio transatlantica (TransAtlantic Free Trade Area, TAFTA), è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato dal 2013 tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America.

https://it.wikipedia.org/wiki/Trattato_transatlantico_sul_commercio_e_gli_investimenti

 

DOVREBBE AVERE MILIONI DI CLICK

 

Annunci

Prices for Montana medical marijuana cards drop from $75 to $5

By Ariana Lake – MTN News

The state health department has reduced the fee to obtain or renew a medical marijuana card from $75 to $5. 
The state health department has reduced the fee to obtain or renew a medical marijuana card from $75 to $5. 

10962811_G
MISSOULA –
Medical marijuana cards in Montana just got a lot cheaper.

The state health department has reduced the fee to obtain or renew a medical marijuana card from $75 to $5.

The changes went into effect on Saturday July 9, according to the health department website.

This comes on the heels of a major deadline. Beginning August 31, Montana medical marijuana caregivers will be limited to three patients. Providers say the ruling would shut them down.

However, voters could change regulations in November. One proposed initiative lifts the three-patient restriction, another repeals the medical marijuana law.

There are just over 13,000 patients in Montana.

Signatures are being processed for initiatives through Friday, July 15.

http://www.kbzk.com/story/32420970/prices-for-montana-medical-marijuana-cards-drop-from-75-to-5?utm_medium=social&utm_source=facebook_KBZK_TV

Silicon Valley investors are starting to warm up to weed

The growing confidence of venture capital investors in marijuana businesses mirrors accelerating legalization efforts, which are reaching critical mass

 

By Alison Vekshin, Bloomberg News

SAN FRANCISCO — When three Colorado marijuana entrepreneurs made a presentation to 40 Silicon Valley investors last year, it was as though they were discussing something dirty.

Silicon Valley1

“There was an uncomfortable chuckle in the room, kind of like you’re talking about porn,” says Fulton Connor, the Sand Hill Angels Inc. member who arranged the meeting. His fellow venture capitalists just couldn’t get past the fact that marijuana remains prohibited under federal law.

Silicon Valley

They’re way more chill now, he says. In May, Connor’s firm, which typically invests in mainstream startups like the taxi-hailing app Flywheel, steered $200,000 to Boulder-based Tradiv, an online marketplace for wholesale cannabis. “They understand it more as a business and the direction of the market,” Connor says. “And they see where it’s becoming more acceptable.”

The stigma surrounding the $7.2 billion marijuana industry is evaporating as Americans grow increasingly comfortable with the concept, more states allow medical and recreational use, and pot businesses start generating healthy profits. You know sentiment has shifted when the establishment moves in, as Microsoft Corp. did last month when it announced a partnership to track marijuana for local and state governments.

Silicon Valley VCs and entrepreneurs present themselves as daring risk-takers, willing to go where more conservative investors won’t. Yet early backers of the nascent marijuana business hailed from the real estate and oil-and-gas industries, not Sand Hill Road. VC firms were often hamstrung by their investors, including universities, who didn’t want to back the industry, says Keith McCarty, who runs Eaze, which helps arrange deliveries from medical marijuana dispensaries in California. He says such restrictions have relaxed in the last couple of years.

“The types of investors that couldn’t pursue the opportunity to invest when we initially started are now contacting us,” McCarty says. “They’re coming in and they have a lot of knowledge around the cannabis industry, almost as though they’ve been watching it and they see the light at the end of the tunnel approaching quickly and they don’t want to miss out on the opportunity.”

In large part, the growing confidence mirrors accelerating legalization efforts, which are reaching critical mass. Half of all states already allow pot for medical use and four permit possession of small amounts for recreational use. In November, California and its huge market will be among three states to vote on recreational-use measures. A majority of Americans said marijuana should be legal in a Gallup poll released in October.

“Certain investors are trying to get into the market ahead of the initiatives in November and position themselves where they can as participants for when broader legalization occurs,” says Evan Eneman, managing director at Snoop Dogg’s Casa Verde Capital, a Los Angeles VC firm that specializes in early-stage companies in the ancillary side of the cannabis industry, including Eaze.

Legalization propositions are on ballots in Nevada and Maine, while supporters in Arizona and Massachusetts have submitted signatures to qualify, according to the Marijuana Policy Project. Since 2012, Washington, Oregon, Colorado and Alaska voters have approved recreational use. Floridians will vote on legalizing medical use in November, while Missouri and Arkansas have submitted signatures to qualify.

“If we do well in November, there will be a massive increase in the amount of investment, the quality of the teams and the sophistication of the business models going forward,” says Troy Dayton, chief executive officer of Arcview Group, an Oakland-based firm whose 550 investor members have poured $76 million into 121 cannabis companies. “It’s not every day a multibillion-dollar industry gets started.”

With Arcview projecting a tripling of medical and recreational marijuana sales to $22.8 billion by 2020, it’s easy to see why Microsoft and other corporations are piling in. In a deal with Los Angeles startup Kind Financial, the tech giant is using cloud-based software to help state and local governments track marijuana from seed to sale. New York’s Department of Health is using Oracle Corp. software to monitor its medical marijuana program, according to the state’s website. Oracle spokeswoman Jessica Moore declined to comment on the partnership.

“When Microsoft allows its name on a press release about being involved in the cannabis industry, you know it’s going to be a good time for others to get in,” Dayton says.

Meanwhile, VC firms have announced a flurry of deals. Founders Fund, a VC co-founded by billionaire Peter Thiel whose portfolio includes Airbnb Inc., Facebook Inc. and SpaceX, last year contributed an undisclosed amount to a $75 million investment round in Privateer Holdings, a Seattle-based private-equity firm focused on marijuana.

Y Combinator Inc., the incubator that helped seed Airbnb and Dropbox Inc., last year poured $120,000 apiece into Confident Cannabis, which builds software for pot-testing labs, and Meadow, which creates software for dispensaries and delivery services. “There’s a lot of tech opportunity in cannabis because every industry requires software,” says Justin Kan, a Y Combinator partner.

Meadow CEO David Hua says he met last year with an executive from a prominent VC firm who refused to invest in his company or any cannabis-related businesses because he viewed pot as a negative influence on society. Hua later secured funding through angel investors he met through Y Combinator. He says: “Our presentation appealed to people who see the stigma going away.”

Visit Bloomberg News at http://www.bloomberg.com

Silicon Valley investors are starting to warm up to weed

Aumentano orti legali cannabis,’oro verde’ è economia futuro

Tutt’altro che spinelli.
In Calabria ed in Puglia si coltiva l’ “oro verde” in centinaia di ettari di terreno “perché è l’economia del futuro, se si esce dai pregiudizi”.
L’unico accorgimento, per evitare di incappare in una denuncia penale, è compilare un modulo e consegnarlo alle forze dell’ordine.

antonino-chiaramonte-coltivatore-in-proprio
Ad investire sulla cannabis è stato anche Antonino Chiaramonte, un agricoltore di Mendicino in provincia di Cosenza, che ha sostituito le foglie di marijuana al grano, ormai “non più conveniente per i prezzi troppo alti”.
Dai mattoni della bioedilizia per costruire case ai vestiti, passando gli alimenti, gli olii e persino i cruscotti delle auto, la sua canapa viene destinata agli stabilimenti per la produzione di diversi oggetti. In Italia 850 piantagioni Secondo i dati di ‘Assocanapa’, in Calabria gli agricoltori di cannabis sono già una decina ed in costante aumento in tutta Italia, con piantagioni in 400 ettari di terreni al nord e 450 al sud del Paese.
“Lavoro anche come assistente sociale – spiega Antonino Chiaramonte, 46 anni – ma dall’anno scorso ho deciso di coltivare cannabis nel mio ettaro di terreno e per ogni raccolto guadagno 1.300 euro”.
Chiaramonte ha piantato i semi un anno fa e subito dopo ha comunicato ai carabinieri di avere la piantagione di cannabis a scopo industriale.
Un orto insolito che fa gola a più di una persona.
“Ogni tanto qualcuno si intrufola tra le piante per portarne via una – aggiunge – tanto che sono stato costretto a mettere un cartello dalla scritta: ‘Se volete una piantina non strappatela, ve la regaliamo’”.
Servirà per costruire case La canapa da fibra prodotta da Chiaramonte viene lavorata in uno stabilimento a Taranto e servirà in un cantiere di Brindisi per costruire “la prima abitazione ‘a base di cannabis’ in Italia”. Per ora, invece, l’unico stabilimento autorizzato a produrla a scopo farmaceutico è Rovigo.
“La canapa è un ottimo investimento per tanti usi – spiega ancora l’agricoltore – rigenera i terreni, non necessita di diserbanti ed ha ottimi costi.
Quella importata dall’Olanda costa anche di più.
E allora perché non avviare una grande produzione in Italia? E’ ingiusto criminalizzarla e finora la legislazione ne ha compromesso gli utilizzi associandola solo alla droga.
In passato ho fumato qualche spinello, lo considero comunque molto meglio di devianze come alcol o droghe pesanti”

Ed ora grazie ai guadagni del “piccolo tesoro” nell’orto di casa sua, Chiaramonte ha messo in piedi un’azienda agricola per farne una fattoria sociale dove ospitare i bambini autistici a fare ippoterapia con gli asinelli.
Dalla cannabis alla solidarietà, per “sfatare un tabù”.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/italia/558223/aumentano-orti-legali-cannabis–oro.html

http://freeweed.it/

CONGRESS ENDS BAN ON MEDICAL MARIJUANA – IT IS NOW LEGAL IN ALL 50 STATES

There is good news for medical marijuana users in the United States.
First, what does marijuana cure? It cures PTSD, which stands for post-traumatic stress disorder. The government medical practitioners have prescribed patients suffering from PTSD to use medicinal marijuana. Get it right, marijuana has legalized for strictly medicinal reasons only, so don’t get carried away!

50-States-Legalize-Medical-Marijuana

This move by the Obama government will surely favor medical marijuana users as well as the lawyers and members who have advocated for it. This will see an end to federal raids on marijuana growers. Moreover, this policy will see a reduction in the cat and mouse games between authorities and the dispensaries using this plant for medicinal use. Although the government has not made it official on this marijuana policy, expect no more victimization and accusation if you are a grower or dispensary using the plant for the right reason.

The Senate approved marijuana for treatment along with policy guiding this move. The measures authorized include the ownership, circulation, sales, usage, and production of medicinal marijuana. For all the American states that want to use marijuana for medicinal use, they should comply with these measures. Therefore, for a state to implement the medicinal marijuana policy, it has confirmed with its own legislature.

rampant cases of imprisonment of those using medicinal marijuana and growers. According to history, United States has been battling this war ever since 1970s. Apparently, stats have it that most countries have not beaten the US in fighting marijuana – it has not only used lots of money fighting use of drugs, but also in being involved with imprisonment cases across the country.

It has also developed a great system of imprisonment than any other country. It is so sad seeing veterans ending up behind bars when they are trying to save lives of many and there is a law that can hinder them from doing so.

When you visit the jails in states you will note that the majority of prisoners were jailed because of marijuana. They are victims of the drug war that the state has been fighting for decades. You might not know this but in a US prison one out of eight prisoners is a victim of marijuana. Another surprising thing is the extent of disparity of arrest between blacks and white that is arrested. This is an issue that a state government can curb simply by legalizing the official use of marijuana. In doing so, many people will be freed from marijuana arrest.

Congress Ends Ban on Medical Marijuana – It Is Now Legal in All 50 States

CANNABIS TERAPEUTICA, ALTRO CHE LEGALE…

La cannabis terapeutica è legale in Italia, eppure utilizzare farmaci a base di derivati di marijuana per lenire i dolori dovuti a malattie gravi come la Sla, il cancro o la sclerosi multipla, è ancora un percorso quasi impossibile. E questo nonostante l’entrata in vigore del decreto del 9 novembre del 2015 che armonizza l’utilizzo dei cannabinoidi a scopo di cura. Anzi, secondo alcuni malati, il decreto “Lorenzin”, dal nome del ministro della Salute che lo ha varato, ha peggiorato una situazione già di per sé ingarbugliata. Andrea Trisciuoglio, segretario dell’associazione LapianTiamo, lotta da anni per il diritto alle cannabis terapeutica. Racconta a Test-Salvagente: “Questo decreto ci blocca, per questo abbiamo deciso di impugnarlo, insieme all’avvocato dell’associazione Luca Coscioni”. Il motivo principale della protesta è che il testo rende impossibile utilizzare “gli estratti, e gli oli, e altre trasformazioni della canapa. Io penso spiega Trisciuoglio agli amici con la Sla, persone che hanno quei tubi infilati nella gola, con una tracheotomia, che possono respirare solo con ventilatori polmonari. Loro non possono prendere né vaporizzatori né possono fumare canne, ma solo l’olio, e questo decreto glielo impedisce”. Anche il nostro interlocutore è malato di sclerosi multipla e utilizza cannabinoidi a scopo terapeutico dal 2009. In effetti, l’utilizzo di oli o estratti non viene vietato in sé, ma le disposizioni e le procedure indicate per le farmacie che dovrebbero prepararli sono così onerose che in pratica quasi tutte stanno rinunciando a produrle.

PREGIUDIZI E PRECONCETTI

Il decreto Lorenzin, in cui vengono indicate le malattie per cui si può ricorrere alla cannabis terapeutica, fissato il prezzo di vendita e il modulo per la richiesta da parte dei medici, si è reso necessario per unificare tutte le normative regionali già esistenti. In Italia, infatti, sono undici: Puglia, Toscana, Veneto, Liguria, Marche, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Sicilia, Umbria, e le ultime arrivate, il Piemonte e la Lombardia, che a gennaio hanno dato il via libera all’utilizzo delle cannabis terapeutica, completamente rimborsata dal servizio sanitario pubblico.

In Lombardia manca ancora una normativa vera e propria, come ricordano i Radicali che hanno raccolto e consegnato oltre 6mila firme per presentare la loro legge di iniziativa popolare: “La nostra proposta spiegano fa un passo avanti e contempla anche l’utilizzo domestico della cannabis a scopo terapeutico”, mentre nella delibera approvata al Pirellone, i farmaci a base di thc possono essere assunti solo all’interno dell’ospedale.

cannabis-terapeutica

La cannabis terapeutica, purtroppo, sconta in Italia una serie di problemi legati ai pregiudizi su una sostanza che per decenni è stata raccontata solo come stupefacente, ma che fino a prima della sua proibizione era comunemente utilizzata in ambito industriale, tessile e alimentare, oltre che medico. Questa cultura di preconcetti, predominante anche nel mondo medico, crea difficoltà pratiche ai malati che vanno oltre la legalizzazione delle cure a base di cannabinoidi.

“Il grande problema è questo: trovare un medico dell’ospedale che ti faccia un piano terapeutico diventa impossibile”, spiega il segretario di LapianTiamo: “C’è un iter allucinante negli ospedali, e se vuoi comprare il farmaco senza la copertura del sistema sanitario pubblico (cosa possibile previa prescrizione medica in tutto il territorio italiano, ndr), devi avere il portafogli a fisarmonica”. Ad esempio, se Trisciuoglio non avesse la copertura sanitaria per il Bedrocan, il farmaco a base di cannabis importato in Italia, dovrebbe spendere circa 300 euro al giorno per curarsi. Risultato: anche in Puglia, regione all’avanguardia sul fronte dell’utilizzo della cannabis terapeutica, “ci sono tantissimi malati, ma quelli che riescono ad accedere a questi farmaci si contano sulle punta delle dita”, spiega il nostro interlocutore. Rendere l’accesso alla cannabis terapeutica veramente alla portata di tutti invece permetterebbe una condizione esistenziale più dignitosa a centinaia di migliaia di persone in Italia.

MEGLIO LA MORFINA?

Alberto Ritieni, professore di chimica degli alimenti all’Università Federico II di Napoli, ha organizzato un convegno sulla cannabis terapeutica in vista della presentazione di una proposta di legge per la Regione Campania. Ci spiega: “I benefici di questi farmaci riguardano direttamente le patologie come l’epilessia nei bambini che ne soffrono in una forma non curabile. Mentre persone con patologie degenerative come la Sla e la sclerosi multipla riprendono un po’ di elasticità, il controllo dei loro muscoli, almeno tale da poter badare a se stessi. Parliamo di malattie dolorose come quelle oncologiche. Con la cannabis non ti curo il tumore, faccio in modo che la tua qualità di vita migliori”. L’alternativa sono le morfine. “Una persona sotto morfina s’addormenta, perde conoscenza. Il dolore quindi non lo sente, ma ha finito di vivere. Può solo recuperare un po’ di lucidità tra una dose e l’altra. Gli oppiacei sono simili anche se un po’ meno forti. Invece i cannabinoidi dati in maniera misurata consentono di mantenere comunque la dignità di se stesso. Ci sono paesi in cui si utilizzano tranquillamente. Perché limitare questa possibilità a chi soffre?”

Cannabis terapeutica, altro che legale…

SM: non è una malattia autoimmune, bensì concause di alterazioni funzionali, MECCANICISMI di natura esclusivamente corporea.

I sacri testi di Neurologia devono essere riscritti, le malattie neurodegenerative non sono autoimmuni, bensì concause di alterazioni funzionali: acidosi metabolica, intestino permeabile, malformazioni vascolari (CCSVI) e soprattutto sistema linfatico del cervello che ristagna le tossine, questi sono i MECCANICISMI di natura esclusivamente corporea che causano la Sclerosi Multipla…….. OTTUSI!

Zamboni: su Sclerosi multipla e Alzheimer una svolta da due ricerche

Cade un vecchio tabù della medicina. Parla il professore dell’Università di Ferrara: c’è una rete linfatica nel cervello.

zamboni-a-cortina

Cade un tabù della Medicina, sulla presenza di una rete linfatica nel cervello. Una novità che potrebbe modificare l’approccio ad alcune patologie, come la sclerosi multipla e il morbo di Alzheimer. A scriverlo sulla rivista Veins and Lymphatics, analizzando due studi di recentissima pubblicazione – uno dell’Università della Virginia, Usa, pubblicato su Nature e l’altro dell’Università di Helsinki e del Research Institute Wihuri, pubblicato su ‘The Journal of Experimental Medicine’ è il prof. Paolo Zamboni, responsabile del Centro di Malattie Vascolari di Unife.L’esperimento descritto sull’ultimo numero di Nature è stato eseguito da Antoine Louveau, Jonathan Knips e un team dell’Università della Virginia, e rappresenta «uno studio di svolta per chi è interessato ai vasi linfatici» scrive Zamboni, il quale sottolinea come pochi giorni dopo un gruppo di studiosi di Helsinki abbia «confermato con altri esperimenti l’esistenza di una rete linfatica cerebrale connessa con i linfonodi profondi del collo».MSLINFATICSISTEMDopo aver ricordato che l’articolo di Nature non rappresenta in realtà una scoperta rivoluzionaria, ma piuttosto «una descrizione sistematica e aggiornata delle connessioni e delle funzioni del sistema linfatico cerebrale», Zamboni afferma che «tuttavia, questo articolo permette di superare definitivamente il concetto secondo cui vi è una mancanza di drenaggio linfatico del cervello». Il gruppo dell’Università della Virginia ha trovato il sistema linfatico nella parete delle vene durali (sono le principali vene intracraniche all’interno delle meningi che poi convogliano il sangue nella vena giugulare) «e questo testimonia il dialogo funzionale e anatomico tra i due sistemi – prosegue Zamboni – Inoltre è stato dimostrato con immagini eccellenti che l’interconnessione dei collettori linfatici non esiste solo con le vene, ma anche con il liquido cerebrospinale, con i linfonodi profondi del collo e pure con le vene giugulari interne».LINFONODI Le potenziali implicazioni della scoperta? «La principale conseguenza – afferma Zamboni – è che il dogma del privilegio immunitario del cervello (cioè l’isolamento immunitario del cervello rispetto al resto del corpo, ndr) come ammesso dagli stessi autori, crolla. Abbiamo tutti studiato che il cervello è segregato dal punto di vista immunitario. La dimostrazione di vasi linfatici del sistema nervoso centrale richiede una rivalutazione urgente dell’assunto di base nella neuroimmunologia». Il nuovo concetto, secondo Nature, apre la strada a riconsiderare – scrive Zamboni – l’eziologia autoimmune di un certo numero di malattie neuroinfiammatorie e neurodegenerative, comprese la sclerosi multipla e la malattia di Alzheimer».

FONTE: ACHILLE DAGA·DOMENICA 3 LUGLIO 2016
https://www.facebook.com/notes/achille-daga/sm-non-%C3%A8-una-malattia-autoimmune-bens%C3%AC-concause-di-alterazioni-funzionali-meccan/909901812452077

San Marino legalizza la cannabis terapeutica (e intende anche produrla)

Il Consiglio di Stato di San Marino ha definito la procedura per rendere operativa l’istanza per la legalizzazione della cannabis a uso terapeutico approvata nel gennaio scorso dal Parlamento. Non solo, da quanto si apprende dal quotidiano locale La Tribuna, il Consiglio ha anche istituito una “Commissione per lo studio dei provvedimenti per la produzione delle sostanze psicotrope per uso terapeutico”. Il piccolo stato si prepara quindi a diventare anche produttore diretto di cannabis.

smarino_flag_big-300x194

Lontano dalle lentezze burocratiche italiane, il Consiglio ha prescritto che entro 90 giorni la Commissione dovrà redigere un documento che «indichi priorità, procedure, modalità operative innanzitutto per regolamentare la produzione dei farmaci e nello specifico degli stupefacenti nonché la loro distribuzione e utilizzo clinico, proponendo apposito decreto delegato ai sensi della Legge 21 gennaio 2010 n. 7», in cui andranno specificati i seguenti aspetti:

a) compiti dell’Authority sanitaria nel controllo degli stupefacenti per uso terapeutico;
b) requisiti per la produzione di farmaci derivanti da cannabis;
c) modalità di importazione dei semi di cannabis e sostanze che contengono cannabinoidi;
d) requisiti riguardanti la distribuzione, conservazione e utilizzo, limitatamente al territorio della Repubblica di San Marino;
e) esclusività della prescrizione da parte di medici dell’ISS;
f) modalità procedurali per l’utilizzo dei farmaci che contengono cannabinoidi, sia per terapie validate che per terapie sperimentali, anche in riferimento alla Legge 29 gennaio 2010 n. 34 e del Decreto Delegato 17 gennaio 2011 n. 2;
g) oneri a carico del produttore nei confronti dello Stato;
h) sanzioni.

Inoltre la Commissione, anche avvalendosi di esperti esteri, dovrà studiare le procedure in atto in altri paesi europei e preparare il bando per selezionare i produttori di cannabis made in San Marino. Ultimo compito, infine, stabilire le patologie per le quali sarà prescrivibile la cannabis e l’iter per ottenerla. Questa fase sarà molto importante in quanto mostrerà il tipo di legalizzazione che sul Titano intendono perseguire, se si tratterà cioè di una legalizzazione comunque irta di ostacoli medici e burocratici come quella italiana, o se – prendendo esempio dalle più avanzate legislazioni Usa – le terapie a base di cannabinoidi verranno rese disponibili anche per disturbi più lievi, e quindi accessibili (quasi) da tutti i cittadini.

Fonte: dolcevitaonline.it

San Marino legalizza la cannabis terapeutica (e intende anche produrla)

UNIVERSITA’ DI PISA: nasce una innovativa filiera della canapa industriale Toscana fondata sulla ricerca scientifica

L’innovativo progetto di ricerca scientifica nasce dalla collaborazione del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa con il Consorzio M126 e l’Associazione La Staffetta. Le coltivazioni si estendono in tre Comuni, Volterra, Manciano e Torre del Lago. Una filiera, quella della Canapa Toscana, sempre più forte e vicina.

L’innovazione è costituita dalle tecniche agronomiche impiegate che, in controtendenza con le tradizionali indicazioni del settore, hanno preferito puntare sull’ottimizzazione delle risorse e dei campi con un cospicuo risparmio di utilizzo di sementi, di consumo idrico e di concimi per ettaro.

I risultati sono già apprezzabili già a distanza di pochi mesi dalla semina in campo, come si può osservare nelle fotografie scattate nelle suddette aziende agricole.

La ricerca consiste nel selezionare e sottoporre ad analisi di laboratorio le infiorescenze delle cultivar impiegate (Futura 75, Uso 31, Santhica 27, Fibrol e Seculei Jubileum) per individuare le differenti proprietà aromatiche e in cannabinoidi in modo da ottimizzarne la destinazione produttiva orientata alla realizzazione di bevande ed olii essenziali.

Il progetto nasce grazie all’impegno del Consorzio M126 e dell’Associazione La Staffetta, che da tempo lavorano alla promozione di un piano di filiera sulla canapa ad uso industriale incentrato su ricerca, sviluppo ed innovazione. Partecipano alcune aziende agricole selezionate a Torre del Lago (PI), Volterra (PI) e Manciano (GR) le quali hanno creduto ed investito nella ricerca e nell’innovazione.

Il tutto in collaborazione con il Dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa che si è reso disponibile a svolgere le analisi di laboratorio e monitorare la produzione.

Ad oggi il Dipartimento sta analizzando i raccolti 2015 delle coltivazioni del consorzio con particolare riferimento all’estrazione degli oli essenziali.

Il Consorzio M126 e l’Associazione La Staffetta provvederanno nei prossimi mesi a pubblicare in maniera open source i risultati della ricerca in modo da costituire un database che tenga conto delle relazioni tra le varie cultivar ed i differenti terreni della nostra regione e consenta di ottimizzare l’impiego di varietà differenti per la realizzazione di prodotti con finalità specifiche sia nel campo alimentare che in quello cosmetico-farmaceutico.

Lo scopo del progetto è quello di dare una solida veste scientifica alla canapicoltura e mettere a disposizione dati certi ed indicazioni precise non solo agli operatori del settore ma anche a tutti coloro che volessero avvicinarsi alla canapicoltura.

Ed a beneficiare dell’iniziativa saranno anche i consumatori dei prodotti realizzati sulla scorta dei dati acquisti, i quali si troveranno di fronte prodotti di provenienza certa e di altissima qualità.

Consorzio M126 e Associazione La Staffetta hanno infatti già programmato per il prossimo autunno sia un evento in cui presentare i risultati del progetto intrapreso sia un workshop formativo per tutti coloro che fossero interessati ad un approccio scientifico e concreto alla canapicoltura.

IMG-20160530-WA0004IMG-20160526-WA0004IMG-20160526-WA0001

Articolo a cura del Consorzio M126 e dell’Associazione La Staffetta

COPYFREE: è possibile e consigliato riprodurre, distribuire, comunicare ed esporre al pubblico quest’opera a patto che venga riportato il link originario ed attribuita in maniera chiara la paternità e la fonte dell’opera stessa. Documento distribuito attraverso licenza Creative Commons 3.0 Italia