Nigeria: Of drug war and marijuana’s business value

As the youth grow up, they are warned about the “dangers” of marijuana and other substances. The supposed danger, as echoed by many, is that marijuana makes people become unkempt, irresponsible, lazy and ultimately, running-on-the-streets-naked (that is, madness). Some religious preachers go as far as to say that marijuana users are hell-bound. Since the 1950s, thousands have been jailed; countless properties have been confiscated by the government, and taxpayers’ money has been wasted on the war on drugs in Nigeria, through the National Drug Law Enforcement Agency (NDLEA).

Sorgente: Nigeria: Of drug war and marijuana’s business value

New Study Finds Cannabis May Help Preserve Brain Function As We Age

As we get older, the brain ages. As the brain ages, cognitive ability decreases. Short-term memory, learning new things, or devoting attention to several things at the same time becomes more difficult. Researchers have long been looking for ways to slow down or even reverse this process. Scientists at the University of Bonn and The Hebrew University of Jerusalem (Israel) have now achieved this in mice.

A new study published in Nature Medicine reports that low-doses of delta-9-tetrahydrocannabinol (THC), an active ingredient of cannabis, given to mice helped to restore and even reverse some effects of age-related decline in cognitive performance, as well as enhanced expression of synaptic marker proteins, and increased hippocampal spine density. These results are very promising for treatment and prevention of dementia and other neurodegenerative diseases.
The Endocannabinoid System and Aging
There is substantial evidence suggesting that the endocannabinoid system (ECS) is part of a system that modulates the physiological processes underlying aging. The activity of the ECS declines during aging, as CB1 receptor expression and coupling to G proteins are reduced in the tissues of the aging brain.


CB1 receptors are proteins to which substances dock and thus trigger a signal chain. Because THC accumulates at the receptor, CB1 is also the reason for the euphoric and “”high” effects of THC found in cannabis and high-THC cannabis products. As we age, the quantity of the cannabinoids naturally formed in the brain reduces, leading to rapid aging in the brain.
The Zimmer, et al., Study
To test the effects of cannabis on the brain, Andreas Zimmer, director of the Institute of Molecular Psychiatry at the University of Bonn, worked with a team of researchers to study the effects of THC on mice.
mouseResearchers chose mice because there are some really important similarities between humans and mice. Because they are both mammals, the hippocampus and other brain parts involved with learning and memory function the same. Humans and mice also have the same proteins and biological systems, and a similar endocannabinoid system. However, mice have a relatively short life expectancy and display pronounced cognitive deficiencies even at 12-mos. old.
Mice were grouped by age (2 months, 12 months, and 18 months), along with a control group that was left untreated. Each group was tested for cognitive capacities before and after the treatment cycle. The team put the mice through several behavioral and ability tests, like the Morris water maze, to test their capacity to learn and adapt to changes in their environment, as well as their ability to remember and recognize other mice.
All of the mice, except the control group, were administered low doses of THC over a period of four weeks, via an implant.
“The treatment completely reversed the loss of performance in the old animals. It looked as though the THC treatment turned back the molecular clock.” – Prof. Andreas Zimmer, Institute of Molecular Psychiatry
To discover precisely what effect the THC treatment had on the mice, the researchers examined the brain tissue and gene activity of the treated mice. In the older mice, they found that the molecular signature no longer corresponded to that of an old animal, but was instead very similar to that of its younger counterpart.
The research team found that THC reversed the age-related cognitive decline in the 12-mo. and 18-mo. old mice. This behavioral effect was accompanied by increased synaptic marker proteins and increased hippocampal spine density. The number of links between the nerve cells in the brain also increased again, which is an important prerequisite for learning ability. In fact, the THC treatment worked so well that the performance of the 12-mo. old THC-treated mice closely resembled that of the untreated 2 mo. old mice in the control group.
These findings suggest that restoration of CB1 signaling in older people could be an effective strategy to treat ailments of the aging, such as dementia.
THC Affects the Brain Differently Depending on Maturity Level
The Zimmer et al. study made an interestingly discovery, however. The younger mice that were treated with THC performed on par with the older untreated mice. Deficiencies or an overabundance of cannabinoids can cause cognitive processing difficulties. Therefore, the THC consumed by the younger mice made it harder for them to learn and remember, but that same amount of THC consumed by the older mice helped them restore a declining internal balance of brain chemicals.
Researcher Onder Albayram was interviewed by Inverse Science, and asked what accounts for these behavioral changes. Albayram replied, “The young brain has lots of endocannabinoids, and an old brain has significantly less. That’s why when you give THC to a young brain, which can access lots of endocannabinoids, this confuses the brain. But when you give THC to old brains, they have less endocannabinoid binding affinity, so the brain experiences a plasticity change to adapt to high THC.”
The control group of mice who were only given a placebo displayed natural age-dependent learning and memory losses.

https://www.medicaljane.com/2017/05/15/new-study-finds-cannabis-may-help-preserve-brain-function-as-we-age/

News recenti che hanno catturato la mia attenzione: Cannabis Gum, Ocrevus, diagnosi errate e altre storie

flipout4ms

Cari lettori,
spesso è difficile per me aggiornarvi su proprio tutte le notizie che vedo online sulle ricerche in atto la momento, ma oggi vediamo insieme una lista di alcune notizie relative alla Sclerosi Multipla, che sono apparse suMS News Todaydurante la settimana scorsa e che hanno catturato in qualche modo la mia attenzione.

Axim firma un contratto per avanzare le sperimentazioni cliniche di una gomma a base di Cannabis (MedChew Rx) per curare il dolore nella SM

Gli studi sono focalizzati su una gomma da masticare a base di cannabis per curare il dolore nella sclerosi multipla. La gomma contiene CBD e THC ed è in fase di sperimentazione negli Stati Uniti e in Europa. Secondo un funzionario della Axim, “lo sviluppo della gomma MedChew RX sarà formulato con cura per assicurare che i farmaci siano preferibilmente assorbiti oralmente entro un determinato lasso di tempo in modo…

View original post 1.518 altre parole

Lo Yeti cercava giustizia ma trovò la legge

fiabeatroci

Lo Yeti è uno dei pochissimi locali romani che io conosca ad avere il bagno a norma di legge per chi non è “normodotato”, come si dice. Non sarà veramente una rarità mi auguro, perché io non ho visitato tutti i locali romani, ma qualche centinaio ormai credo di sì e sono quasi sicuro di non averne quasi mai incontrati, di bagni a norma di legge, nella capitale italiana (l’unico altro bagno a norma che mi viene in mente è quello di Tuba, sempre al  quartiere Pigneto).
Ci penso sempre, mentre mi infilo in anfratti angusti e spesso maleodoranti, alle poche leggi giuste come sempre disattese, e alle tante sbagliate che vengono usate contro le persone ogni giorno.
La storia dello Yeti di questi giorni parla più o meno di questo, anzi di molto peggio, e per questo voglio condividere una lettera scritta di getto dalla mia amica Francesca, scrittrice…

View original post 406 altre parole

Fumare riduce i livelli delle cellule immunitarie che proteggono l’organismo dalla SM (e non solo)

flipout4ms

Cari lettori,
come già sappiamo, fumare fa male e senza ripetere tutti i danni che il fumo procura all’organismo, vi ricordo soltanto che accelera il rischio di demenza, fa invecchiare prima il cervello, con un declino che inizierebbe già a 45 anni di età, e come se non bastasse uccide le cellule immunitarie che proteggono comunemente le persone dalla sclerosi multipla e da altre malattie autoimmuni.

Questo è quanto è emerso da una nuova ricerca dell’Università di Copenaghen; una constatazione questa che potrebbe condurre a nuovi modi di trattare tali malattie. Lo studio dal titolo “Smoking reduces circulating CD26hiCD161hi MAIT cells in healthy individuals and patients with multiple sclerosis,” ovvero “Il fumo riduce le cellule circolanti CD26hiCD161hi MAIT negli individui sani e nei pazienti con sclerosi multipla”, è stato pubblicato nel prestigiosoJournal of Leukocyte Biology.

“È chiaro che il fumo è dannoso per la…

View original post 662 altre parole

Infiammazione cronica silente nella SM

flipout4ms

Cari lettori,
oggi vorrei parlarvi dell’infiammazione “silente”. L’infiammazione nei nostri corpi, infatti, può essere molto “subdola”, e non sto parlando della buona infiammazione, prodotta da quel gruppo di superormoni chiamati eicosanoidi (eye-KAH-sa-noids), i quali fanno sì che il nostro sistema immunitario possa combattere malattie, virus e altri invasori contribuendo alla riparazione dei tessuti dopo le lesioni. Mi rivolgo invece all’infiammazione cronica silente, che accade quando gli eicosanoidi “cattivi” pro-infiammatori sono in eccesso rispetto a quelli “buoni”. Gli eicosanoidi vengono suddivisi in base alla loro azione biologica. Essi esercitano molte funzioni e per questo motivo sono conosciuti come superormoni. Ecco perché in medicina si usa differenziarli sommariamente in eicosanoidi “buoni” e “cattivi”.
Gli eicosanoidi modulano:

  • Il sistema cardiovascolare
  • La coagulazione del sangue
  • La funzione renale
  • La risposta immunitaria
  • L’infiammazione
  • Numerose altre funzioni.

L’infiammazione silente è una condizione morbosa che esprime la disfunzione dell’organismo, i…

View original post 1.337 altre parole

MEXICO LAWMAKERS APPROVE MEDICAL MARIJUANA

THE NEW LEGISLATION IN MEXICO GIVES APPROVAL OF MEDICAL MARIJUANA FOR PATIENT USE AND FOR SCIENTIFIC RESEARCH.

The Mexican Chamber of Deputies passed some amendments to the General Health Law and the Federal Penal Code to permit the medical, therapeutic and research of marijuana, effectively legalizing medical marijuana in Mexico.

This is a major milestone in marijuana legalization, as not only is cannabis approved for patient use, but for research. For Mexico to open up the possibility of additional research is a huge win for both the patient and scientific community.

The Chamber of Deputies (Lower House of Congress) was 371 in favor and seven against with 11 abstentions. The bill now will be signed by President Enrique Pena Nieto.

With Friday’s vote, Mexico will join other nations in Latin America and 28 states in the US that allow cannabis for a variety of medical ailments.

Proponents argued in favor of legalization as a means to help the country reduce drug-related violence and misuse, President Enrique Pena Nieto agreed.

The newly approved bill allows the Health Ministry to develop the regulations for the medical use and production of products made from marijuana. Tetrahydrocannabinol (THC), the plant’s main psychoactive ingredient is also approved in the bill but products with only one percent concentration of THC will be allowed.

Under the newly approved guidelines, growing marijuana for medical and scientific purposes will not be punishable.

 IN MEXICO ONE FAMILY WOULD HAVE HELP TO CHANGE OPINIONS AND LEGALIZE MEDICAL MARIJUANA

Last year a family in northern Mexico became the voice of the country to legalize medical marijuana when the parents of a young epileptic girl, Grace Elizalde, won a court battle to import a cannabis oil for her treatment. Anecdotal evidence from other patients who suffer from seizure disorders helped to persuade the health ministry to allow Grace to try CBD oil as a treatment after exhausting all other treatment options, including surgery to sever her corpus callosum, the nerve fibers dividing two halves of her brain, the procedure only worsened her condition.

Suffering from 400 epileptic seizures every day, eight-year-old Grace Elizalde would become Mexico’s first authorized purchaser of medical marijuana.
Grace’s father, Raul Elizalde, said that the legislation represented “great progress.”

#medicalmarijuana #medicalmarijuana411 #cannabis #seizures #mexico #cannabiscommunity #cbd #cbdoil

A post shared by Medical Marijuana 411 (@medicalmarijuana411) on

https://medicalmarijuana411.com/mexico-approve-medical-marijuana/

NOTIZIE ENORME: LA SCLEROSI MULTIPLA È UNA MALATTIA METABOLICA

I ricercatori hanno pensato che la colpa è del sistema immunitario, ma nessuno è stato stato in grado di spiegare ciò che innesca l’insorgenza della malattia. l’hanno legato ai geni, la dieta, gli agenti patogeni, e carenza di vitamina D, ma l’evidenza di questi fattori di rischio sono stranamente incoerenti e spesso contraddittori. Questo vanifica i ricercatori nella loro ricerca di un trattamento efficace.

ACHILLE DAGA·LUNEDÌ 18 APRILE 2016

https://nicolagriffith.com/2011/12/…
Nell’ultimo numero della Quarterly Review of Biology (Vol 86 Numero 4, dicembre 2011), in un articolo intitolato “La sclerosi multipla non è una malattia del sistema immunitario,” Dott Angelique Corthals sostiene che la sclerosi multipla (SM) non è una malattia del sistema immunitario: è causato dal metabolismo lipidico difettoso.
Il compendio molto di base della carta: guardando MS come un disordine metabolico aiuta a spiega molti aspetti sconcertanti della malattia. casi MS sono in aumento come conseguenza diretta di una dieta ad alto tenore di zucchero, high-grassi animali. MS è simile in molti modi per l’aterosclerosi.
Questo non è un miglioramento incrementale di ciò che è noto circa SM, è un cambiamento di paradigma. Alla fine cambierà il modo di MS è capito, ricercato, e trattata.
Full disclosure: Angelique è un mio buon amico. Ho visto ogni bozza di questo documento. Non è ricerca originale. Si tratta di una panoramica di ciò che è noto per essere conosciuto. Ci vuole ciò che è stato studiato, esaminato e replicato e ricompone in qualcosa di nuovo: un puzzle in cui, per la prima volta, tutti i pezzi si incastrano. Non ci sono pezzi lasciati fuori, nessuno martellato con la forza bruta. È elegante, pulito, e ha un senso completo e totale.
A un certo punto presto scriverò su come questo mi fa sentire. Ma oggi voglio darvi l’essenza della carta senza editorialising. (Tutti gli errori sono miei; illustrazione elegante e citazioni dirette sono da Angelique.)

 

QUELLO CHE IL GIORNALE DICE

La professione medica ha creduto per lungo tempo che MS è una malattia in cui le difese immunitarie del corpo attaccano tessuti nervosi nel sistema nervoso centrale. [Per una panoramica di cambiare saggezza medica, vedi The Incredible Journey , la cortesia Rocky Mountain MS Center.] Caratteristica principale della malattia è l’infiammazione, quindi cicatrici, di tessuto chiamato mielina, che isola il cervello e il midollo spinale. Nel corso del tempo questo può portare a cicatrici profonde danni neurone.
I ricercatori hanno pensato che la colpa è con un sistema immunitario in fuga, ma nessuno è stato stato in grado di spiegare ciò che innesca l’insorgenza della malattia.Hanno legati geni, la dieta, gli agenti patogeni, e carenza di vitamina D a MS, ma evidenza di questi fattori di rischio è stranamente incoerente e spesso contraddittorie.Questo vanifica i ricercatori nella loro ricerca di un trattamento efficace.
“Ogni volta che un fattore di rischio genetico mostra un significativo aumento della SM in una popolazione, è stato trovato per essere irrilevante in un altro. Gli agenti patogeni come il virus di Epstein-Barr sono stati implicati, ma questo non spiega il motivo per cui popolazioni geneticamente simili con carichi di agenti patogeni simili hanno drasticamente diversi tassi di malattia. La ricerca per MS attiva nel contesto dell’autoimmunità semplicemente non ha portato ad alcuna conclusione unificanti circa l’eziologia della malattia. “
Capire come MS metabolica di origine piuttosto che autoimmune inizia a portare la malattia e le sue cause a fuoco. “Il nuovo approccio spiega sia il recente aumento dell’incidenza e tutti gli aspetti patologici, genetici e ambientali della malattia.”
In altre parole, questa nuova comprensione della SM potrà finalmente permettere di trovare un trattamento efficace, compreso il trattamento preventivo.

IL LIPID IPOTESI

 L’eziologia della sclerosi multipla:
Corthals ritiene che la causa principale della sclerosi multipla possono essere ricondotti a fattori di trascrizione nei nuclei delle cellule che controllano l’assorbimento, la ripartizione, e il rilascio di lipidi (grassi e composti simili) in tutto il corpo. Quando viene interrotta la funzione di lipidi metabolizzazione di questi recettori, conosciuto come proliferator-activated receptors perossisomi (PPARs),, può causare l’accumulo di lipidi tossici noti come LDL ossidate, che si formano placche sulle tessuti colpiti. L’accumulo di placca innesca una reazione immunitaria, in parte regolata anche dai PPARs. Con un controllo dell’infiammazione fallito e l’accumulo di oxLDL, la risposta immunitaria impazzisce e le placche tossiche porta alla cicatrizzazione del tessuto. Il meccanismo è essenzialmente lo stesso come l’aterosclerosi, il cui non PPARs ‘in cellule cardiache porta ad infiammazione e una risposta immunitaria in arterie coronarie. “Quando il metabolismo dei lipidi nelle arterie non riesce, si ottiene l’aterosclerosi. Quando succede nel sistema nervoso centrale, si ottiene MS. “
Ci sono diversi fattori di rischio per la ridotta funzione PPAR, tra cui:
  • una dieta ad alto contenuto di grassi saturi e carboidrati
  • predisposizione genetica
  • fattori ambientali (come la scarsa esposizione alla luce solare o fonti di vitamina D)
Se i PPARs e l’interruzione dei lipidi omeostasi sono il colpevole nella SM, che spiegherebbe perché le statine, che sono usati per trattare il colesterolo alto, hanno mostrato risultati promettenti come trattamento di MS. Sarebbe anche spiegare perché i casi della malattia sono stati in aumento negli ultimi decenni. “In generale le persone stanno aumentando la loro assunzione di zuccheri e grassi animali, che spesso porta a colesterolo alto LDL. Così ci si aspetterebbe di vedere più alti tassi di malattie legate a malattie cardiache metabolismo lipidico, come e, in questo caso, MS. “
Essa getta luce anche sul link di vitamina D. La vitamina D aiuta ad abbassare il colesterolo LDL, quindi ha senso che la carenza di vitamina D aumenta la probabilità della malattia, specialmente nel contesto di un /-carboidrati ad alto dieta ricca di grassi.
L’ipotesi lipidica spiega anche le prove inconsistenti per i trigger MS. In molti casi, Corthals dice, avente solo uno dei fattori di rischio per ridotta funzione PPAR non è sufficiente per innescare un crollo del metabolismo lipidico. Ma più di un fattore di rischio potrebbe causare problemi. Ad esempio, un sistema PPAR geneticamente indebolito da sola non potrebbe causare la malattia, ma combinandolo con una scarsa lattina dieta. In queste condizioni, il corpo è “innescato” per l’insorgenza della malattia, che viene poi attivato sia da un agente patogeno (può essere qualsiasi) o traumi, o anche lo stress.
Infine, l’ipotesi lipidica spiega anche il motivo per cui la SM è più frequente nelle donne.
“Uomini e donne metabolizzano i grassi in modo diverso. Negli uomini, i problemi dei PPARs hanno più probabilità di verificarsi nel tessuto vascolare, che è il motivo per cui l’aterosclerosi è più frequente negli uomini. Ma a causa del modo donne metabolizzano grasso in modo diverso in relazione al loro ruolo riproduttivo, il loro metabolismo lipidico è più probabile che influenzare la produzione di mielina e del sistema nervoso centrale, che porta alla equivalente neurologica di aterosclerosi. MS è più prevalente nelle donne, così come l’aterosclerosi è più frequente negli uomini, ma questo quadro esclude nessuno dei due sessi di sviluppare l’altra malattia. “
Molto più ricerca è necessaria per comprendere appieno il ruolo dei PPARs nella SM, ma la Corthals spera che questa nuova comprensione della malattia potrebbe portare a nuovi trattamenti e le misure di prevenzione: “. Questo nuovo quadro fa una cura per la SM più vicino che mai”
E questo, caro lettore, è la parola magica: cura. Per la prima volta, mai, penso che ci potrebbe un giorno essere uno. Ancora meglio, potremmo essere in grado di prevenire la sclerosi multipla.

Treating Pediatric Epilepsy with Medical Cannabis: A Brief History

There has been a relatively recent surge of interest in using medical cannabis to treat pediatric epilepsy, which has created a firestorm between U.S. lawmakers and parents and caregivers, who are demanding access for their children. But the promise of cannabis treatment for epilepsy is nothing new – in fact, using cannabis to treat pediatric epilepsy was first brought to light thousands of years ago. Reflecting on this history may help understand the situation we’ve ended up in today.

Medical cannabis in ancient times

Cannabis was first used for medicinal purposes in China around 2700 BCE. Following suit, people in the Middle East, India, and Egypt also began incorporating cannabis into medical remedies. However, an Arabic physician named al-Mayusi is first credited with advocating for the use of cannabis to treat epilepsy in the 11th century.

East to West

Sir William Brooke O’Shaughnessy, considered the founder of medicinal marijuana, brought cannabis to Europe in the 19th century following his studies in India. He published a case report of a 40-day-old infant who he successfully treated with a cannabis tincture.

Following O’Shaughnessy’s findings, Sir William Gowers and Sir John Russel Reynolds treated epilepsy patients with cannabis as an adjunctive treatment to bromide, an anticonvulsant used at the time.

By the 20th century, cannabis had made its way to North America, and, in the 1930s and 1940s, researchers began studying cannabis compounds and isolating them for pharmaceuticals. However, in 1970, the US Controlled Substance Act prohibited cannabis use and production in response to a troubled sociocultural climate. So while science was making breakthroughs in understanding the molecular structure of cannabis compounds, those who could potentially benefit from the drug were prohibited from taking it.

However, science persisted, and a few clinical trials were conducted to test the safety and efficacy of cannabis for epilepsy. Sidney Cohen published the first study on cannabis and epilepsy in 1976.

Where we stand today

In the 1990s, researchers discovered how cannabis receptors work in the brain, a tremendous advancement in our understanding of how cannabis can be used to treat epilepsy. Additional research also showed that cannabidiol (CBD) was effective in reducing seizures in animal models as well as in human clinical trials.

But now it’s 2017, nearly 30 thirty years later. As a fallout from the infamous Drug War, medical cannabis use remains prohibited in many U.S. states; even in states where medical cannabis is legal, there are different rules and regulations that may limit access to the drug.

We are closer than ever to getting a clinically proven cannabis treatment approved by the FDA — which is its own potential controversy — but at least there are now several trials underway testing the effects of cannabis on pediatric epilepsy.

A doctor’s tools of the trade. Photo Credit: Andrew Malone
Fighting for their children
For some parents and caretakers, waiting a year or several years until drugs are FDA-approved is simply not good enough for their children who need help right now. Several anecdotal stories have emerged in the media in which parents and caretakers have traveled thousands of miles and risked legal consequences to obtain medical cannabis for their children.

A recent statement from the American Epilepsy Society (AES) offers the following for parents and caregivers: “The anecdotal reports of positive effects of the marijuana derivative CBD for some individuals with treatment-resistant epilepsy give reason for hope. However, we must remember that anecdotal reports alone are not sufficient to support treatment decisions…AES urges all people touched by epilepsy to consult with an epilepsy specialist and explore the many existing treatment options, so that they can make informed decisions with their specialist that weighs the risks and benefits of the different treatment options.”

Hopefully, in a year or two, we will realize a future of cannabis and pediatric epilepsy following the approval of new, cannabinoid-based therapies.

https://www.ganjapreneur.com/treating-pediatric-epilepsy-with-medical-cannabis-a-brief-history/